header
areapubblica
areaprivata
titolocartinasicilia

cartinapiccola

anbinforma

 

 

terra

logo_sias_web_2009_mx

   

     bosetto

     scuola

    logos2

   unnamed

 

 

La Storia della Bonifica in Sicilia

PDF Stampa E-mail

lavoriI Consorzi di Bonifica nascono in Sicilia , come nel resto d’Italia, verso la fine dell'800. Può con certezza affermarsi che il T.U. del 1933 trova in Sicilia già diversi Consorzi costituiti secondo le norme allora in vigore e operanti nei diversi settori della bonifica.
La maggior parte ha origine stradale: sovrastavano sulle altre le esigenze di penetrazione nell'interno dell'Isola e di trasporto dei prodotti agricoli, ma non mancano esempi di consorzi idraulici, irrigui e di bonifica sanitaria, mentre la sistemazione idraulica forestale era assunta direttamente dalla pubblica amministrazione.

Con il T.U del 1933, riordinata la materia in base alle nuove norme sulla bonifica integrale, i consorzi furono riclassificati, ma continuano a svolgere una ben limitata azione, ai margini di un mondo agricolo in cui non riescono ad inserirsi. Le leggi sul latifondo, inoltre, con la esplicita sottomissione anche amministrativa dei consorzi all'Ente del latifondo siciliano, mortificano la loro autonomia e ne limitano ogni eventuale iniziativa.

                     cava            posa

Trascorso il periodo bellico, con la costituzione dell'Alto Commissario prima e della Regione poi - con l'adozione della legge sul Mezzogiorno e del piano ERP - si creano le premesse per una ripresa dell'attività bonificatrice ed il conseguente potenziamento delle strutture tecniche ed amministrative dei consorzi.
Il “Quaderno di studio e di informazioni 8-a”, edito dal Ministero dell’Agricoltura e Foreste, Direzione generale della bonifica e della colonizzazione intorno agli anni’60, censisce in Sicilia 30 Consorzi di bonifica ed è proprio in quell’epoca che l' attività dei Consorzi, anche per l'intervento finanziario della ex Cassa del Mezzogiorno, diventa significativa:
- dighe, reti irrigue, strade, linee elettriche, acquedotti rurali, sistemazioni idrauliche, rimboschimenti, impianti produttivi, strutture di commercializzazione, opere tutte che hanno contribuito ad una profonda trasformazione del territorio agricolo ed alla formazione di grandi, medie e piccole imprese che si sono inserite stabilmente e con efficacia nell' organizzazione produttiva.

All’inizio degli anni ‘60, la L.R. 28 dicembre 1961 n. 30, Norme per la costruzione di invasi, conferisce all’Assessorato Regionale per l’Agricoltura e le Foreste la facoltà di assumere, anche a totale carico del bilancio della Regione, la spesa occorrente per la costruzione di invasi destinati congiuntamente all'irrigazione e ad usi industriali per la trasformazione dei prodotti agricoli. La legge stabilisce che la direzione e la gestione dei complessi irrigui realizzati ai sensi di tale previsione normativa possono essere affidate all’Ente per la Riforma Agraria in Sicilia (ERAS) o ai Consorzi di Bonifica. La costruzione e gestione delle grandi reti irrigue collettive è stata curata dall’ESA (Ente di Sviluppo Agricolo) e dai Consorzi di Bonifica i quali, a partire dagli anni ’50, avevano già realizzato un cospicuo programma di studi e costruzioni di serbatoi artificiali destinati ad uso irriguo e ad uso promiscuo (irriguo, industriale, potabile) e dal 1961 al 1992 hanno realizzato 14 dighe per un complessivo volume totale d’invaso di 469,49x106 m3.

 

                  diga           diga2
 


Per quanto riguarda le reti di distribuzione che fino agli anni ‘80 erano costituite per lo più da canalette a pelo libero in cemento-amianto, si può affermare che oggi in tutti i Consorzi è stata operata la trasformazione della vecchia rete a canalizzazioni aperte, in rete tubata in pressione. Nel complesso l'irrigazione riguarda 16 sistemi irrigui collettivi per una superficie totale irrigabile di 164.000 ettari, di cui effettivamente irrigata di circa 80.000, e di tali sistemi 7 sono ubicati nella Sicilia occidentale e 9 in quella orientale. I Consorzi di bonifica, inoltre, hanno ormai già da alcuni anni realizzato impianti di telecomando e di telecontrollo per la gestione automatizzata della distribuzione idrica.

                 prefabb          canaletta


Nell’ultimo ventennio, l’irrigazione, tradizionalmente destinata all’agrumicoltura e all’orticoltura delle zone costiere, ha valorizzato, specie attraverso la serricoltura, ed in genere l’ortofloricoltura ed il vivaismo, territori della Sicilia sud-orientale (province di Siracusa e Ragusa) e nord-occidentale ed occidentale (Marsala), un tempo destinati a seminativi e vigneti. Profonde modifiche strutturali nella viticoltura tradizionale sono state indotte dall’utilizzazione anche di modesti volumi di acqua, che hanno determinato l’estendimento delle forme di allevamento appoggiate (tendoni e spalliere) e l’introduzione di cultivar ad alta produttività (Trebbiano).
Nelle aree interne con terreni vocati per le coltivazioni arboree, la disponibilità di acqua per uso irriguo ha favorito in particolare l’olivicoltura da olio e da mensa, determinando un considerevole aumento delle produzioni regionali che oggi collocano la Sicilia al terzo posto nella graduatoria nazionale.
In alcune microaree delle province di Enna (Comune di Leonforte), di Agrigento (Ribera e Bivona) le acque raccolte negli invasi artificiali hanno favorito l’espandersi della frutticoltura ed in particolare della peschicoltura, che si è affermata anche a livello nazionale ed internazionale.Un cenno merita anche la trasformazione irrigua di terreni a seminativo e pascolo in ficodindieti nelle province di Enna (Piazza Armerina), Catania (S. Cono) e Agrigento (S. Margherita Belice). Anche nell’alta collina e nella montagna si è verificata un’espansione dei meleti e dei pereti, mentre solo in aree limitate delle province di Messina e Catania (Valle dell’Alcantara) e Palermo (Polizzi Generosa) è stata introdotta l’irrigazione di mandorleti e di pistacchieti.

            vigneto      agrumeto

La viabilità è stato il campo tradizionale dell'attività dei Consorzi nei primi anni della loro costituzione, anche perché alcuni di essi sono nati come Consorzi di miglioramento per la realizzazione di strade.
Indubbiamente in tale categoria di opere l'azione del Consorzio, che si è esplicata attraverso la realizzazione di circa 5.000 km. di rete viaria, è stata notevole dovendosi anche provvedere, almeno fino a tutti gli anni '50 ad una carenza di strade non solo di carattere rurale. Si può pertanto dire che in Sicilia spesso il Consorzio ha contribuito ad alleviare carenze di strutture di comunicazione, sostituendosi all'azione di altri Enti pubblici che a ciò avrebbero dovuto provvedere.

bivio    galleriaponte

Altra categoria di opere a cui i Consorzi hanno rivolto particolare attenzione, data la carenza esistente, è stata quella degli acquedotti rurali e dei bevai. Sono stati realizzati 11 acquedottti rurali con uno sviluppo di Km. 1.550 circa di rete idrica e 879 bevai. In tale campo va segnalata l'azione svolta da alcuni Consorzi operanti in zone dell'interno, quali l'Alto e Medio Belice, il Salito, le Valli del Platani e Tumarrano, Altesina, Alto Dittaino, Salso Inferiore, Borgo Cascino, Gagliano Castelferrato-Troina.

           acquedotto        bevari

E inoltre,
Opere di sistemazione - Si tratta di una categoria di opere che, nello stesso ambito comprensoriale, ha visto l'intervento di altri operatori pubblici, ed in cui quindi il Consorzio ha realizzato solo una parte di quello che oggi si riscontra. Le sistemazioni idraulico-forestali attuate dai Consorzi hanno interessato circa 15.100 ettari di consolidamento dune e frangiventi e circa Km. 1.500 di sistemazioni di fiumi e torrenti.

           gibbesi      torrente

Opere di bonifica idraulica - Tali categorie di opere hanno per la Sicilia una importanza indubbiamente minore di quella che si riscontra in altre regioni, tuttavia anche da noi esistono, pur se su territori limitati, problemi che vanno affrontati e risolti. L'opera dei consorzi è compendiata nella costruzione di circa Km 3.500 di canali di scolo per una superficie servita di ha. 243.526 ed in circa 13.500 ettari di superficie prosciugata. Gli interventi più importanti si sono avuti nella Piana di Catania, Paludi di Ispica, Piana del Gela, Birgi, Pantano di Lentini e Lago di Lentini.

Elettrificazione rurale – I Consorzi hanno realizzato oltre Km 2.300 di reti di distribuzione elettrica a media e bassa tensione.

Borghi rurali - In totale i Consorzi hanno realizzato 4 borghi a carattere residenziale e 4 borghi di servizio.

Opere civili - Tra le opere più interessanti, a parte quelle legate ad altri interventi di bonifica (impianti idrovori, gruppi elettrogeni), appaiono le realizzazioni per la commercializzazione e trasformazione dei prodotti, tra cui vanno segnalate la costruzione di una cantina sociale, di un mercato ortofrutticolo, di due impianti per la lavorazione delle mandorle, di un caseificio, nonché la realizzazione di sette campi boari.

Nel 1995 con la l.r. n. 45 l' intero territorio della Sicilia viene classificato di bonifica e diviso in 11 comprensori, coincidenti in massima parte con i limiti amministrativi provinciali, cui corrispondono altrettanti Consorzi di bonifica in sostituzione dei preesistenti.

La citata legislazione regionale, mentre ha confermato ai Consorzi di bonifica i compiti relativi alla manutenzione, esercizio e gestione delle opere e degli impianti irrigui e di bonifica, li ha predisposti e avviati agli interventi di salvaguardia ambientale e di tutela delle acque.

Lo stato di avanzamento dell'opera di bonifica è quanto mai vario nei diversi comprensori in dipendenza delle difficoltà dei problemi affrontati, della suscettibilità dei territori, dello stato di maturità degli studi e delle ricerche predisposte, delle disponibilità finanziarie a cui i Consorzi hanno potuto attingere, nonché dell'efficienza e della vitalità dei singoli Consorzi.

Ma nuove opportunità per l’agricoltura siciliana si aprono oggi grazie all’impegno costante e al lavoro pregevole di una nuova leva di ingegneri, tecnici e maestaranze consortili.

Nuove opere ingegneristiche di natura idraulico-irrigua di notevole rilevanza sono state di recente realizzate o sono in fase di realizzazione nella Sicilia orientale, nei comprensori della Piana di Catania, di Caltagirone e del Ragusano che costituiscono un complesso territorialmente accorpato di 243 mila ettari di cui 90.000 circa interessati all'irrigazione. Si tratta in particolare di opere di accumulo e impianti che consentono di assicurare nel tempo una costante ed esauriente dotazione di acqua irrigua per tutte le coltivazioni impiantate nei comprensori attrezzati (Ristrutturazione del Canale Cavazzini, Allacciante Ancipa-Pozzillo, Adduttore Gerbini-Magazzinazzo, Impianto sperimentale di fitodepurazione…).

     traversaponte2jpg   traversaponte  adduttore

     saldatura  tubbbe   compens

Altro complesso irriguo di rilievo, interessato dalla realizzazione di progetti nella Sicilia occidentale, è quello che comprende i Comprensori Gorgo-Verdura-Magazzolo, Basso Belice-Carboj, Delia Nivolelli, con una superficie di circa 84.000 ettari, di cui circa 40.000 sono interessati all'irrigazione.

Di tale superficie fanno parte i terreni già irrigabili con le acque provenienti dalle traverse sul Magazzolo e sul Belice, con le acque del Verdura, con i serbatoi Arancio e Trinità, con pozzi, e quelli che vengono irrigati con le acque provenienti dal serbatoio Garcia sul Belice e Castello sul Magazzolo. Per consentire il reperimento di idonei quantitativi idrici da destinare all’irrigazione del comprensorio dipendente dalla diga Castello (complessivamente esteso 17.500 ha) nel giugno 2011 sono stati completati i lavori di “Interconnessione dei laghi Prizzi-Gammauta-Castello. Adduttore San Carlo-Castello per l’integrazione idrica del lago Castello con utilizzazione delle acque del fiume Sosio”. (Sotto foto dell’opera)

    tubbis2  tuubis   tubbi3

L'intervento di bonifica in Sicilia, quindi, è stato e continua ad essere rilevante .

Il nostro augurio e la nostra speranza è che tutto questo bagaglio di esperienze che ha costituito il mondo della bonifica non venga disperso ma anzi rivalutato.
Attraverso l’excursus fotografico si ha la chiara percezione di come la bonifica abbia contribuito, specialmente in un periodo storico di grave crisi economica e povertà diffusa come era quello all’indomani della grande guerra, al miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro di quella grande e fondamentale parte di popolazione italiana che il mondo agricolo rappresenta.
Quell’esperienza può, ancora oggi, per l’Italia essere attuale, con nuove norme, se necessario, ma soprattutto con una nuova e moderna concezione di bonifica integrale che rivolga particolare attenzione alla salvaguardia e alla tutela del territorio e del paesaggio italiano, alla prevenzione del rischio idrogeologico e ancora una volta occasione di lavoro, di crescita sociale ed economica.

 

 

Questo sito utilizza cookies di profilazione, propri e di altri siti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookies. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, consulta la pagina della nostra Privacy Policy.

Io accetto cookies da questo sito